17.NOV.2012   03.FEB.2013

ALBERTO GARUTTI
DIDASCALIA/CAPTION

PAC - PADIGLIONE DI ARTE CONTEMPORANEA - MILANO

Il PAC, Padiglione di Arte Contemporanea di Milano presenta dal 17 novembre al 3 febbraio 2013 la mostra “ALBERTO GARUTTI. Didascalia”, la prima retrospettiva dell’artista italiano tra i più rilevanti della scena artistica contemporanea.
La mostra, curata da Paola Nicolin e Hans Ulrich Obrist, è un arcipelago di oltre 30 opere di differente natura: una serie di lavori storici, una nuova produzione concepita appositamente per il PAC, alcune riattivazioni di opere recenti e i modelli di progetti mai realizzati, sono raccolti in uno spazio istituzionale al fine di ricostruire il lavoro di Garutti attraverso le sue opere più significative.
L’esposizione è attraversata da una molteplicità di linguaggi che vanno dalla fotografia alla scultura, dalla scrittura all’installazione, dal disegno al suono, dal video alla pittura, dalla conversazione all’insegnamento. Il
percorso espositivo traccia così, per la prima volta, l’evoluzione spesso sorprendente della ricerca dell’artista dagli anni Settanta ad oggi.
I lavori di Garutti sono opere in grado di innescare meccanismi di partecipazione e dialogare a più livelli con
differenti tipologie di pubblico, così come con le istituzioni politiche ed economiche della città. Quella al PAC
è dunque una mostra-paesaggio nella quale lo spettatore è invitato a costruire nuove relazioni e percorsi tra
le opere, gli oggetti, le immagini e i frammenti in esposizione.
“Con questa mostra il PAC conferma il proprio ruolo di sede espositiva di grande prestigio e di livello
internazionale – ha dichiarato l’assessore alla Cultura Stefano Boeri – La selezione accurata della
produzione di un grande artista come Alberto Garutti, infatti, unita ad una curatela di alto profilo, realizza una
proposta culturale di eccellenza nel panorama non solo milanese, ma internazionale”.
Dalla seconda metà degli anni Settanta in poi Alberto Garutti ha esplorato la dimensione narrativa e immateriale dell’opera d’arte. Nel corso di più di trenta anni di carriera, il suo lavoro testimonia un’attenzione crescente per la relazione tra la produzione di oggetti e il loro relazionarsi nello spazio sociale. Autore di alcuni tra i più efficaci progetti di arte pubblica in Italia e in Europa, Garutti è interprete di un momento ancora poco noto della ricerca artistica italiana, che a partire dalla fine degli anni Settanta in poi rielabora in forma autonoma e laterale la matrice concettuale e figurativa della generazione precedente. Sotto questo profilo, Garutti ha saputo mettere in relazione queste istanze con le atmosfere dei decenni successivi, segnate dall’impatto delle forme di lavoro relazionale, multiautoriale e auto generativo.

A cura di Paola Nicolin e Hans Ulrich Obrist


PAC - PADIGLIONE DI ARTE CONTEMPORANEA
Via Palestro, 14 20121 Milano
Telefono: 02 88446359/360

Sito | Vedi Mappa

inizioindietro