22.SET.2011   22.OTT.2011

ANAWANA HALOBA
MY LIPS ARE SEALED

Anawana Haloba: nata nel 1978 a Livingstone, Zambia. Vive e lavora a Oslo, Norvegia

Il lavoro artistico di Anawana Haloba si basa su installazioni video-audio e sull’impiego del proprio corpo come mezzo performativo. Le opere di Haloba esplorano le posizioni e relazioni delle diverse comunità all'interno di differenti contesti politici, socio-economici e culturali. In occasione della sua prima personale in Italia dal titolo "My Lips Are Sealed", l’artista norvegese presenta due nuove opere e una grande installazione video del 2008. Quest’ultimo progetto intitolato "When the Private Became Public" è stato presentato alla 16° Biennale di Sidney e commissionato dalla curatrice dell’evento, Carolyn Christov-Barkagiev. Il lavoro è un film realizzato con cinque protagoniste femminili provenienti da contesti culturali diversi e ambientato nello scenario dell’arido deserto australiano. L'opera, ispirata da una serie di eventi rivoluzionari che hanno portato le donne a valicare la dimensione privata per entrare a far parte della sfera pubblica che tradizionalmente è loro preclusa offre, attraverso le immagini e la gestualità viscerale rappresentata, uno spunto e una riflessione sulle ideologie pre-femministe, lasciando aperto un riferimento diretto sulla situazione contemporanea. Le due nuove opere sono "The Oracle" e "Say It As It Is". "The Oracle" è una grande installazione site-specific allestita come sala di consulenza all'interno dell'ambiente domestico che riproduce i tratti e la tipologia abitativa di una favela. Il lavoro approfondisce le tematiche e le dinamiche del mondo in via di sviluppo, offrendosi al contempo come strumento di previsione e occasione risolutiva del futuro socio-economico mondiale, tramite l'assistenza di un oracolo al quale le persone decidono di rivolgersi. Il secondo nuovo progetto "Say it as it is" è una performance in cui gli interpreti raccontano nuovamente (riscrivono) le percezioni suscitate dalla colonizzazione, in particolare nel mondo occidentale.


inizioindietro