18.NOV.2004   22.GEN.2005

JIMMIE DURHAM REASONS FOR LIGHTNESS

Tutto il lavoro di Jimmie Durham è teso in primo luogo ad attaccare in maniera ironica la persistente struttura coloniale tuttora alla base della nostra cultura. Anche questa mostra si avvale prevalentemente dell’uso di materiali naturali o di recupero, per esempio una vecchia ape sormontata da un grande masso, oppure delle semplici pietre sia esposte all’interno della galleria (in combinazioni con altri oggetti) sia facenti parte di una installazione site specific a Palazzolo Vercellese, di cui si possono vedere le testimonianze fotografiche in galleria. In febbraio verrà inoltre proiettato a Torino La poursuite du Bonheur, prodotto dalla Fondazione Zerynthia. Cherokee nato in Arkansas (USA) nel 1940, Jimmie Durham è poeta, scrittore e artista visivo. Negli anni Settanta è stato attivista dell’American Indian Movement. Durham ha partecipato alle maggiori rassegne internazionali, tra cui Documenta, Kassel e le Biennali di Venezia, Sidney, Gwangju e del Whitney Museum. Attualmente vive a Berlino. È uscito da poche settimane una monografia sull’artista (edizioni Charta, Milano, www.chartaartbooks.it) in occasione del Corso Superiore di Arti Visive organizzato dalla Fondazione Antonio Ratti


inizioindietro